***************************************************************************************************************************************************************************
*TRADIZIONI*LETTURE*RICORDI*
POESIE*PITTURA E
ARTE
*STORIA E
STORIE*VIAGGI*FOTOGRAFIE*MUSICA*RICETTE*CHIACCHIERE*UMORISMO*RIFLESSIONI*SOGNI E DESIDERI*AFFETTI*PASSIONI ... tutto ciò che rende interessante la vita.
Perché "...sono cortesie minuscole, un fiore, un boccio, un libro, sono loro a deporre i semi del sorriso..." Emily Dickinson
**************************************************************************************************************************************************************************

lunedì 21 ottobre 2013

SANDRA , LA NONNA , IL CASTAGNACCIO ... E NON SOLO

" Per mano a nonna Ernesta lei cammina svelta ascoltando la sua voce che descrive ogni passo. 
È ottobre, quasi il suo compleanno; mentre camminano le parla di quando  era bambina nelle campagne carpigiane.
Sono in Piazza Torre 
-al Tvajol ed Furmaijn
proprio accanto alla statua del Tassoni, quando un fotografo di strada crea questo bellissimo fermo immagine.
Andavano - quella mattina come tutte le mattine - a fare la spesa al Mercato Albinelli e poi , in questa stagione, dal fruttivendolo in via Castellaro a comprare il CASTAGNACCIO...o una bella PATATA AMERICANA ... o una FRITTELLA DI CASTAGNE... o una fetta di ZUCCA AL FORNO...".


Questa foto ritrae la mia nonna e me a Modena, in Piazza Torre, nell'ottobre del 1952. 
Fu scattata da un fotografo di strada, appunto, e poi la nonna comprò la stampa. 
Ciò che scrivo qui sopra non è un mio diretto ricordo - ero troppo piccola - ma è frutto delle successive narrazioni dell' Ernesta.
Era un nostro bel gioco aprire la grossa scatola di cartone che conteneva le fotografie di famiglia: io sceglievo, chiedevo...e lei raccontava.
                                             
Oggi ho preparato il castagnaccio
per il mio nipotino e dal forno si è sprigionato quell'aroma di infanzia, quel profumo che  un tempo a Modena, da Via Castellaro , arrivava fino alla Bonissima .
Era un negozio di frutta e verdura che preparava e vendeva queste delizie al forno.
Per la verità la mia scelta preferita erano le patate dolci: ne andavo , e ne vado ,  letteralmente matta. 
Quel negozietto ora non c'è più , così come non ci sono più tanti altri piccoli negozi storici  o le decine di bancarelle che popolavano le stradine del centro. Ma , si sa, il tempo scorre e nulla rimane uguale.
La ricetta del "mio" castagnaccio:
600 g. di farina di castagne, 4 cucchiai d'olio d'oliva, 100g. di uvetta sultanina, 60 g. di pinoli, un ciuffetto di rosmarino, un pizzico di sale, acqua tiepida quanto basta per un impasto molto molto morbido. Amalgamare tutti gli ingredienti usando una frusta e aggiungendo l'acqua piano piano . Aggiungere l'uvetta prima ammorbidita in acqua tiepida e poi strizzata. Ungere una teglia , stendere l'impasto, livellarlo e cospargere con il rosmarino tritato e con i pinoli. Cuocere in forno già caldo a 200° per circa un'ora: prova-stecchino. E felice autunno a tutti.

67 commenti:

  1. Hai tanti bellissimi ricordi documentati, rallegrati di questo....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh...lo so, hai ragione e ne sono consapevole e ben contenta. Ciao Gianna, buona settimana.

      Elimina
  2. Mi hai riempito il cuore di nostalgia per questo passato che non torna con i suoi profumi, gli echi dell'infanzia. Però poi l'idea del castagnaccio che io da piccola neanche conoscevo perché, credo non sia un dolce lombardo, mi ha ingolosito. Quella foto è bellissima. Al solo guardare l'abbigliamento non solo tuo e della nonna, ma di tutti è una vera emozione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dolce montanaro...dell'Appennino emiliano e toscano, credo. Hai visto che cuffietta e che cappottino? E che dire delle gambette nude...TUTTO L'INVERNO?! Ciao Ambra, a presto.

      Elimina
  3. E' stupenda questa foto e il racconto che l'accompagna! Quando si dice che una foto racconta una vita!
    Che fortuna aver incontrato quel fotografo di strada quella mattina! Pensa...forse, anzi probabilmente oggi a distanza di tutto questo tempo...non avresti potuto "ricordare (magari sì...) quel determinato istante...quel preciso attimo.
    Ciao e buona settimana...

    ah...buono il castagnaccio...tutto quello che vien fuori con le castagne (loro in primis) mi fa impazzire!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora pochissimi avevano la macchina fotografica, almeno nella mia famiglia non c'era. Ma ho tante foto di quei tempi: i miei chiamavano a casa il fotografo che era un amico di mio babbo: per questo ho tanta documentazione visiva.

      Elimina
  4. Bei ricordi della nostra infanzia...io ricordo che al mercato mia mamma mi comprava quei filoni di castagne...ti ricordi? Ora non esistono più da tanti anni, ma a me è rimasto il desiderio di gustare ancora quelle castagne così saporite!
    Buona settimana, cara Sandra ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Me li ricordo sì ...in dialetto, qui, si chiamano "guciarò" se hanno la buccia. Oppure sono le castagne secche, quelle sbucciate: mia nonna le bolliva e ne usciva una specie di minestra dolce buonissima. Ciao Lella, grazie.

      Elimina
  5. Sandra ma tu eri quella bella bambina che teneva per mano la tua nonna?
    A proposito di castagnaccio: quando frequentavo le elementari all'uscita della scuola trovavamo quello che noi chiavamo 'er gnaccino' il quale, in bicicletta, vendeva il castagnaccio ma poi dopo la fetta acquistata volevamo sempre 'l'aggiunta'.
    Un caro saluto,
    aldo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, sono proprio io Aldo: avevo 3 anni e mia nonna 52!
      Castagnaccio anche a Roma...non l'avrei mai detto.
      Ora scappo fuori casa ma entro sera finisco il giro dei bloog: ho un grande arretrato di lettura...ARRIVOOOOOOO

      Elimina
    2. Caro amico di Sandra, ho letto il tuo commento ed ho sorriso perché mio marito, che è di Ancona, racconta la tua stessa esperienza con il "castagnacciaro": anche lui gli chiedeva sempre la "giunta"!! ;-)

      Elimina
  6. Sandra, la mia nonna era di Bologna e penso che facesse il castagnaccio identico al tuo.
    Faceva anche i castagnacci fritti...che bontà e che profumi!
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sìììì...le frittelle , Cristiana: che goduria!
      Ora scappo fuori casa ma entro sera finisco il giro dei bloog: ho un grande arretrato di lettura...ARRIVOOOOOOO

      Elimina
  7. mi hai fatto venire i brividi...mi ricordo tutto quello che mi raccontava la mia quando ero piccola e della loro vita di campagna....e a mia figlia a cui nessuno da sempre ha raccontato....quanto sono importanti le nonne per crescere....(gli orologi che hai visto sono lillipuziani e nn riesco a trovare le lancette e allora.....mi limito a ricamarle)Baci.....splendida nonna.glo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh...hai ragione Gloria.La mia nonna rappresenta la colonna portante della mia infanzia. Anche perché mia mamma, poverina, era sempre al lavoro.
      Son bellissimi gli orologi...io ne farei della misura giusta per le lancette che trovi: sono davvero belli!

      Elimina
  8. Cara Sandra, che emozione vederti piccola, e la nonna che ti teneva per mano!!!
    Quanti ricordi!!! Ciao e buona settimana cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  9. Quelle strutture verdi sono state esposte da maggio a settembre a Montréal nei giardini botanici e vengono da tutto il mondo, è un'esposizione internazionale. Sono una meraviglia mai vista. Appena ce la faccio, scrivo un post sul tema. Ciao Sandrina, ci si vede a Milano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non amo le siepi scolpite e costrette in forme volute dai giardinieri, di solito. Ma questa è una cosa differente: davvero arte e poesia. Bellissime.

      Elimina
  10. Che bei ricordi Sandra, io non ho avuto la fortuna di conoscere le mie nonne..
    Il castagnaccio mi piace moltissimo ma non mi viene mai bene...me lo ricordo diverso di consistenza ed anche di sapore...chissà perchè?!
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so di essere stata fortunata . Grazie Carmen.

      Elimina
  11. Ciao Sandra, bellisimo il post che "odora" di vintage! Il castagnaccio non m'ho mai sentito. ;/ Bacione. NI

    RispondiElimina
  12. Siete deliziose!
    Il castagnaccio, poi, è proprio una squisitezza della stagione.
    Carino il tuo racconto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Arianna. Sono sapori irrinunciabili per me.

      Elimina
  13. ora sei nonna tu
    come passa il tempo
    vogliamo essere castagni anche noi
    vecchi e duri
    capaci di mettere al mondo
    per ogni autunno
    migliaia di piccoli occhi lucenti
    dicendo
    assaporate la terra
    ciao
    francesco e buona castagnata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Passa...passa... lascia tracce che speriamo siano solchi/guida per il futuro così come lo sono stati per noi. Grazie Francesco. A presto.

      Elimina
  14. Bellissimo questo post. Grazie per la condivisione e per la ricetta del castagnaccio..qualche giorno di questo lo farò pensando a te e alla tua nonna. Felice autunno a te e famiglia.

    RispondiElimina
  15. Ciao Sandra, ripasso per dirti che poi con quelle frasi ci ho scritto, diciamo una breve poesia
    http://groviglidiparole.blogspot.it/2013/10/buona-castagnata.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vengo a vedere. Grazie, felice di averti ispirato.

      Elimina
  16. Un carissimo saluto per te!!
    ¡Un gran saludo para ti!

    ¤ * ✭

    * ★ ✰
    ¤ * ✭
    ▒▒▒▒▒▒▒▒▒████▒▒▒▒▒▒
    ▒▒▒▒▒████████████▒▒
    ▒▒▒██████████████▒▒
    ▒▒█▒██▒███████████▒
    ▒█▒██▒▒▒███████████
    █▒██▒▒██▒███████████
    ▒███▒▒█▓▒▒█████▓▓████
    ███▒▒▒█▓▓▒▒███▒▒█▓▒███
    █▒▒▒▒▒▒▒▒▒▒▓██████▒████
    ███████████▓██████████
    ██████████████████████
    ████░▓▓▒▓██████████▓██
    ████░▒▓░▓█████▓▓██▓▓██
    ████░▒▓░▒█████░░▓░░▓██
    ████░▒▓░▓█████▒░█▒░███
    ██████████████░░▓░░▓██
    ████▒░▒█░░████░░▓▒████
    █████▓██▓▓█▓███▓██▓▓██

    RispondiElimina
  17. Che bello avere ancora queste foto! Un ricordo stupendo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne ho tante, Alessandra. La maggior parte ancora in una scatola ...proprio come allora. Ciao , Grazie.

      Elimina
  18. "Dolci" ricordi, cara Sandra.Mi hai fatto venire alla mente che anch'io portavo i calzettoni d'inverno e le cosce erano tutte blu. E siamo cresciute ben temprate .... E ti ricordi le galosce?
    Un abbraccio. La data si avvicina....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uuuuu...sììììì. Gonne corte , magari di lana che pizzicava da morire, e calzettoni: ginocchia sempre arrossate per il freddo.
      Le galosce io non le ho mai portate, mi ricordo degli scarponcini con il pelo dentro...ne ho avuti anche un paio rossi e sotto Natale mi prendevano in giro chiamandomi Babbo Natale! Ciao Erika, a prestissimo.

      Elimina
  19. Bellissima la foto, bellissimi i ricordi e tante grazie per la ricetta....come ho gia' scritto, ho portato qui in New Hampshire un pacchettino da mezzo chilo di farina di castagne. Voglio farmi un bel castagnaccio, appena arriva novembre probabilmente , o verso San Martino. Qui i castagni qualche decennio fa sono stati tutti distrutti da una malattia, che peccato....sono quasi sicura che mangero' l'80 % del dolce da sola, ma e' una parte dei miei ricordi e della mia cultura, davvero grazie...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sapevo della estinzione dei castagni...davvero una gran tristezza. Ma non pensano di reintrodurli? Sarebbe bello...
      Se vuoi il dolce un po' meno a "pattone" (tu mi capisci ...ah...ah...ah) metti mezza bustina di lievito per dolci. Buon castagnaccio, allora. Pronta per dolcetto/scherzetto?

      Elimina
  20. Attimi di vita ricchi di emozioni....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...che si rinnovano ogni volta che queste foto capitano tra le meni. Ciao Simo, grazie.

      Elimina
  21. quanto mi piacciono queste foto che evocano così bei ricordi
    il castagnaccio non è il mio forte...ci provo..ci provo ma non mi riesce un granchè

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è uno di quei dolci che viene ogni volta differente pur agendo sempre nello stesso modo. Succede anche a me. Grazie Zefirina.

      Elimina
  22. ci si commuove sempre a guaradre queste foto o scoprire di come eravamo ci sono ricette perfette, ricette precise ma anche ricette del cuore :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, davvero entrambe le cose...verissimo. Grazie Carmine.

      Elimina
  23. Quel fotografo ha trasportato nel tempo le emozioni di una nipotina.
    Che le ha condivise con noi, una grande catena che avvicina anche le persone più lontane.
    E' bello essere qui.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille...vorrei vedere quel tuo roseto.... :

      Elimina
  24. ciao Sandra, bellissimi ricordi, anch'io ero spesso dai miei nonni, alcune cose me le ricordo, altre perche' raccontate come a te, grazie per la ricetta del castagnaccio, buona serata a presto rosa.)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I nonni sono davvero pietre miliari nella crescita di tanti di noi. Grazie Rosa.

      Elimina
  25. Auguri, Sandra.

    Buon compleanno!!!

    RispondiElimina
  26. Auguri anche da parte mia!....ho letto su che in ottobre, ma che giorno è il tuo compleanno?
    TANTI AUGURI SANDRA!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio lo stesso giorno in cui hai lasciato il tuo commento... :) ... Grazie Pino.

      Elimina
  27. La cercavo col lumicino la ricetta del castagnaccio!!! Non l'ho mai mangiato da bambina, ora mi attira incredibilmente.
    (Che fascino, che dolcezza la tua foto con la nonna. Donna fiera e bella!)
    A proposito: auguri!!! :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia nonna era un generale: temuta ma tanto amata perchè era una finta burbera! Ciao Cri...ci si vede presto a MIlano!

      Elimina
  28. Che bello il tuo post, l'immagine felice di te con tua nonna è davvero speciale.
    Amo il castagnaccio, solo che evito l'uvetta e il rosmarino.
    Ciao a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh...sì...è buonissimo anche senza uvetta...senza rosmarino....e anche senza pinoli. Essendo un dolce "povero" , in passato si preparava davvero con solo acqua , farina e un goccetto d'olio! Grazie per la visita.

      Elimina
  29. Buona serata!! ¡Feliz velada!
    ________________________________$$$ $$
    ________________________________$$$$$
    ______________________________$$$$$$
    _____________________________$$$$$$
    ____________________________$$$$$
    __________________________$$$$$$
    _______________________$$$$$$$$$
    _____________________$$$$$___$$$
    ___________________$$$$$$$$$$$$$
    _______________$__$$$$$$$$$$$$$$
    _$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$
    $$$$$_$$________$$$$$$$$$$$$$$$__$$$
    _$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$_$
    $$$$$$$____$$$$$$$_________________$
    $$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$
    __$$$$$$_$$$$$$$$$$$$$$$$$$$______$
    __$$$$$___$$$$___________________$
    __$$$$____$$$$__________________$
    ______$$___$$__________________$
    _______$$___________$$$$$$$$$$$$
    ________$_________$$$$$_$_$$$$$
    ________$$$$______$_$_$_$$$$$
    _________$$$$$$$$$$$$$$$$$$$

    RispondiElimina
  30. Quanti ricordi...mi hai risvegliato..e il castagnaccio è così buono...devo proprio comprare la farina!!
    Buona serata, Stefania

    RispondiElimina
  31. Grazie per aver condiviso con noi questi tuoi dolci ricordi
    Se passi da me c'è un piccolo premio per te!
    Un sereno e gioioso fine settimana
    nonnAnna

    RispondiElimina
  32. Auguri anche da parte mia,bello il post,che gioia ritrovarti.
    Buon fine settimana,un abbraccio.

    RispondiElimina
  33. E tanta ricchezza di sentimenti passerà al nipotino.....

    RispondiElimina
  34. A domenica!

    Ricorda che hai un angelo accanto a te ! Un carissimo saluto
    Recuerda que tienes un ángel a tu lado. ¡Un gran saludo!

    _____________¶
    ____________¶¶________________________¶¶¶¶¶¶¶
    _________¶¶¶¶¶¶¶___________________¶¶¶¶_____¶¶¶¶¶
    _________¶¶____¶¶¶________________¶¶____________¶
    _____¶__¶¶_______¶¶¶¶____________¶¶_____________¶¶
    _____¶¶¶¶¶_________¶¶¶¶¶¶____¶¶¶¶¶______¶_______¶¶
    ____¶¶__¶¶¶¶¶¶__________¶¶¶_¶¶_________¶¶_______¶¶
    ____¶¶_______¶¶¶¶¶¶______¶¶_¶__________¶¶_______¶¶
    ____¶¶____________¶¶¶¶¶¶¶_¶¶¶_¶¶¶¶____¶¶¶_¶¶¶¶_¶¶
    ____¶¶__________________¶¶¶__¶¶¶____________¶_¶
    ____¶¶____________________¶¶¶_¶¶______¶_______¶
    ____¶¶¶____________________¶¶__¶¶¶__¶¶¶¶__¶¶¶¶¶
    _____¶¶¶¶___________________¶____¶_¶¶__¶¶¶¶
    _______¶¶___________________¶____¶¶
    ________¶¶¶¶¶¶____________________¶¶¶¶
    ___________¶¶¶______________________¶¶
    ____________¶¶______________________¶¶
    ____________¶¶¶¶_______¶___¶¶_______¶¶
    _____________¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶___¶¶______¶¶_____¶¶__¶¶¶
    _________________¶¶¶¶_____¶¶______¶¶_____¶¶¶_¶¶_¶
    ________________¶¶_______¶¶______¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶__¶
    ________________¶¶_______¶¶_____¶¶_____¶__¶¶____¶
    _______________¶¶________¶¶____¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶____¶
    _______________¶¶________¶¶_____________¶¶¶¶¶¶¶
    ________________¶¶_______¶¶_____________¶¶
    ________________¶¶_______¶¶_____¶¶______¶
    _________________¶¶_______¶¶¶¶¶¶¶¶¶___¶¶¶¶¶¶¶¶¶
    __________________¶_______________¶___¶_______¶¶
    _________________¶¶¶¶______________¶¶¶________¶¶
    ________________¶¶¶_¶¶________________________¶¶
    ________________¶¶____________________________¶¶
    ________________¶¶____________________________¶¶
    ______________¶¶¶__________________________¶¶¶¶
    _____________¶¶___________________________¶¶¶¶
    _____________¶___________________________¶¶_¶¶
    ___________¶¶¶__________________________¶¶¶¶¶
    _________¶¶¶____________________________¶¶_¶¶
    ________¶¶_____________________________¶¶__¶
    _____¶¶¶¶_____________________________¶¶¶__¶_¶¶¶¶
    ___¶¶¶_______________________________¶¶____¶¶___¶¶
    __¶¶________________________________¶¶8¶¶¶¶_____¶¶
    ¶¶__________________________________¶_¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶
    _¶¶¶¶¶¶¶¶__________________________¶¶¶
    _________¶¶¶___________¶¶¶¶¶_______¶
    ____________¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶_____¶¶¶¶¶¶¶

    RispondiElimina
  35. Ricordo i fotografi di strada in qualche località turistica dalle mie parti,Erano abbastanza vituperati perché cercavano di strappare qualche soldo alle coppiette ed ai nonni dei bambini.
    Però,se vogliamo, vendevano per qualche cento lire, una grande magia : sapevano fermare il tempo.

    RispondiElimina
  36. Bellissima sia la foto che il post... grazie per il castagnaccio...
    C'è un atmosfera magica... un profumo di altri tempi che riempie il cuore e rimane indelebile...
    Buona domenica

    RispondiElimina
  37. Bellissima la foto in bianco e nero, dolci ricordi d'altri tempi!
    Immagine splendida dove traspare la dolcezza di tua nonna e la tua tenerezza! E' davvero speciale!
    La torta ha un aspetto magnifico! La ricetta da copiare!
    Buona serata da Beatris

    RispondiElimina
  38. Che dolcissima bambina!!!! Bei ricordi Sandra! E il castagnaccio?!?! Quant'è buono!!!!! Io lo faccio come te con in più qualche pezzettino di buccia d'arancia...se sapevo che lo facevi venivo a trovarti^___^... Non lo faccio mai perché lo mangerei solo io e, tanto bene non mi farebbe!
    Ora vado a leggere l'incontro

    RispondiElimina

Considerazioni, riflessioni e commenti sono molto graditi. Grazie.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...