***************************************************************************************************************************************************************************
*TRADIZIONI*LETTURE*RICORDI*
POESIE*PITTURA E
ARTE
*STORIA E
STORIE*VIAGGI*FOTOGRAFIE*MUSICA*RICETTE*CHIACCHIERE*UMORISMO*RIFLESSIONI*SOGNI E DESIDERI*AFFETTI*PASSIONI ... tutto ciò che rende interessante la vita.
Perché "...sono cortesie minuscole, un fiore, un boccio, un libro, sono loro a deporre i semi del sorriso..." Emily Dickinson
**************************************************************************************************************************************************************************

martedì 19 marzo 2013

MIO PADRE






Ti penso. 
Penso ai tuoi occhi e ai miei, praticamente gli stessi occhi.
Penso a quanto tu fossi orgoglioso di questo. 
I tuoi occhi severi, dolci, commossi, arrabbiati, tristi, addolorati, sfuggenti, penetranti, taglienti, carezzevoli. 
Penso ai mille sguardi capaci di comunicare quello che la tua discrezione e timidezza non riuscivano a tradurre in parole.
Penso a quell'estate e al nostro giocare agli indiani.
Alle casette del presepe intagliate "a traforo" nel compensato.
Alle cantilene in dialetto, nelle sere invernali accanto alla stufa a legna, prima che il sonno mi facesse crollare; chissà come finivo nel lettino: me lo chiedevo, la mattina, svegliandomi.
Alle tue mani callose e ruvide che fingevano sorpresa mentre  aprivano la mia  letterina  nascosta ogni Natale sotto il piatto dei tortellini.
A quel gattino di latta che, caricato a molla, rotolava su se stesso trascinando  una pallina rossa; sbucò dalla tasca del tuo cappotto, una sera, e ti brillavano gli occhi che tenevi fissi su di me per  evitare lo sguardo della mamma che , senza palare , chiedeva "ma quanto hai speso?!" .
Alla tua voce un po' tremante di orgoglio che diceva ad un amico "Mia figlia?, fa la maestra".
Sono ormai quasi sette anni anni che vengo lì da te e mi soffermo a leggere.
"Come foglia tornerò a rinsanguare la terra della mia pianura... Il vento non disperderà le mie parole.... Vivrò nella memoria".
Ed ogni volta ringrazio questo autore per avermi prestato le parole.
Oggi, 19 marzo, come ogni giorno ti penso babbo. E ti voglio bene. 

37 commenti:

  1. Parole che scendono direttamente al cuore e mi hanno risvegliato dolci momenti trascorsi con il mio papà.
    Un abbraccio
    nonnAnna

    RispondiElimina
  2. Parole che emozionano e commuovono. Un abbraccio Sandra e auguri al tuo papà che da lassù ti protegge ma auguri anche al mio papà

    RispondiElimina
  3. Ciao Sandra molto toccante questa lettera al tuo papa', erano cosi', generosi e unici, una figura importante che ci dava sicurezza, bellissima foto, ciao grazie buona giornata rosa

    RispondiElimina
  4. Fai bene, un Papà così è solo da amare e ammirare per sempre.
    Un caro saluto,
    aldo.

    RispondiElimina
  5. Come assomigli al tuo paoà...

    Auguri a tutti i papà del mondo!

    RispondiElimina
  6. Lovely old photo with you father.

    Ciao, Joop

    RispondiElimina
  7. Bella la poesia...toccante.
    Tu sei sempre tu...in miniatura! ;)
    Bacio. Ni

    RispondiElimina
  8. Cara Sandra, ogni papà sarebbe orgoglioso se la figlia sa dedicare un simile affetto. Un abbraccio forte forte!!! Ovunque lui sarà ti vedrà dal celo e ti sorride.
    Buon S. Guiseppe cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  9. che belle queste tue parole....tanto amore....tanti ricordi.... glo

    RispondiElimina
  10. Tanti Auguri a tutti i papà cara Sandra, anche a quelli che non ci sono più...
    Un racconto davvero emozionante. Buona giornata.

    RispondiElimina
  11. E' da ieri sera che penso di fare un post così Sandra.Sei stata brava, un bel ricordo!

    RispondiElimina
  12. Mi sono commossa...
    La tomba del mio papà è lontana più di 400 km. e la visito poco, ma è sempre nei miei occhi: la lapide ha la forma stilizzata di una montagna perché lui le montagne le amava tanto!

    RispondiElimina
  13. Spero di poter lasciare anche io, un giorno,ricordi così belli.

    RispondiElimina
  14. quanto amore nelle tue parole e quant'emozione! le faccio mie, non sono così brava ad esprimere i miei sentimenti, e le dedico anche al mio papà...

    RispondiElimina
  15. Che bei pensieri, che bel ricordo!
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  16. Quello che ho letto tocca il cuore,ciao cara Sandra,un abbraccio.

    RispondiElimina
  17. Parole toccanti,una bel modo per ricordare il tuo papà nel giorno della festa dedicata a tutti i papà del mondo.
    Ciao,un abbraccione!

    RispondiElimina
  18. Che toccante, tenero ricordo!

    RispondiElimina
  19. Bellissima lettera, ci fa volgere indietro e ricordare uomini ed età felici.

    RispondiElimina
  20. tenera e commovente,non c'è bisogno di altre parole,
    un bacio

    RispondiElimina
  21. Grazie a tutti . Ho ripubblicato , con opportune modifiche, questo post per mio babbo. Risale a un paio d'anni fa e , allora, lo lessero solo un paio di amici.

    RispondiElimina
  22. Parole di pura, trepida poesia per un padre eccezionale ed altamente degno!

    RispondiElimina
  23. Bel ricordo :') ciao, Arianna

    RispondiElimina
  24. Tuo papà era una gran persona.
    Vedendo che figlia ha tirato su si vede con solare evidenza.
    Stringo in un abbraccio forte, ideale, te e lui insieme. E' bello respirare un amore sano, fatto di gioia e tenerezza, tra un padre e una figlia. Disinfetta le ferite.

    RispondiElimina
  25. Sono commossa, con gli occhi lucidi.

    Siete bellissimi!

    Ciao Nou

    RispondiElimina
  26. Grazie anche a voi, Arianna, Adriano e Nou!

    RispondiElimina
  27. Ben tornata Sandra! Un post commovente...ho trovato assonanze con mio padre.... Certe cose restano nel core per sempre.

    RispondiElimina
  28. Anch'io ho il mio che è lassù da quando avevo 18 anni..... Baci.

    RispondiElimina
  29. Ciao Sandra! Che bello il tuo papa',è vero sei molto somigliante! Che emozione le tue parole!Specialmente dove ricordi quando lui dice all'amico che tu eri maestra! Bellissimo il tuo ricordo,un abbraccione tua Bozzola!

    RispondiElimina
  30. Grazie Paola, pian piano ritorno a gironzolare...ma ho poca spinta .

    RispondiElimina
  31. Erika, davvero molto meno fortunata di me. Bacio.

    RispondiElimina
  32. Grazie Rita. Era belloccio davvero. Quando aveva trent'anni( come nella foto) gli dicevano che assomigliava a John Wayne. E lui storpiava in "IonVainer"...ah...ah...ah!

    RispondiElimina
  33. Sandra mi vien da ridere perche' mia mamma e mia zia adoravano gli attori americani e io incantata le ascoltavo! Solo da grande ho scoperto i veri nomi di questi attori che per loro erano Specer Trace( letto come scritto) Marilin Monro',Cari Grant,Gari Cuper ecc che nostalgia e che tenerezza pero' se ripenso alla mamma e alla zia giovani e belle:due ragazze! Un bacione Sandra!

    PS Qui sul tuo blog è bello ricordare, c'è un'atmosfera che invita ai ricordi dolci!

    RispondiElimina

Considerazioni, riflessioni e commenti sono molto graditi. Grazie.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...