***************************************************************************************************************************************************************************
*TRADIZIONI*LETTURE*RICORDI*
POESIE*PITTURA E
ARTE
*STORIA E
STORIE*VIAGGI*FOTOGRAFIE*MUSICA*RICETTE*CHIACCHIERE*UMORISMO*RIFLESSIONI*SOGNI E DESIDERI*AFFETTI*PASSIONI ... tutto ciò che rende interessante la vita.
Perché "...sono cortesie minuscole, un fiore, un boccio, un libro, sono loro a deporre i semi del sorriso..." Emily Dickinson
**************************************************************************************************************************************************************************

giovedì 4 aprile 2013

QUELLA DELLA BRONCHITINA

 ovvero
la storia della scatola di latta lasciata in sospeso QUI

Questa scatoletta di latta è ciò che resta di una discussione tra mia mamma e mia nonna, nonché di una "battaglia" italo-svizzera. 
E nei miei miei ricordi ha il sapore del cioccolato.  Svizzero, appunto.


Quando ero piccola non circolava troppo denaro nelle mani dei miei genitori. 
Avevamo tutto il necessario -  soprattutto io non mancavo di nulla - ma quanto al superfluo, beh questa è tutt'altra faccenda.
Da piccolina ero spesso ammalata e trascorrevo gli umidi inverni emiliani passando da un raffreddore all'altro, trascinando la tosse fino a primavera inoltrata. 
"Come al solito è un po' di bronchitina", diceva il medico di famiglia. 
Questa faccenda della "bronchitina" mi è rimasta appiccicata addosso fin quasi all'adolescenza.
"Ha bisogno di mare, di aria buona..." era sempre il medico a parlare. 
Così i miei risparmiavano tutto l'inverno  e poi mi spedivano al mare, in quel di Cattolica e Gabicce, insieme alla nonna Ernesta. 
Con noi veniva anche Corina (sì, con una sola "n") , la sorella della nonna,  insieme al suo nipotino , il pestifero cuginetto Gianni; in questo modo dividevano ulteriormente le spese.
La zia Corina aveva un figlio e una nuora emigrati in Svizzera , lavoravano in una fabbrica metalmeccanica a Basilea.
Il loro bimbo - il cuginetto Gianni - dalla nascita e fino a undici anni è  cresciuto con la nonna e da piccolissimi abbiamo giocato tanto insieme. 

I suoi genitori , malati di nostalgia, lo riempivano di doni; quanto gli ho invidiato il  trenino elettrico e tutti i suoi "Lego", ne aveva un fustino ENORME e quasi sempre mi concedeva di giocarci.
Ogni volta che tornavano dalla Svizzera  (due settimane a Natale e due in estate) portavano autentiche meraviglie. 
Ricordo la mia prima calzamaglia di lana, certi dolcetti al cioccolato a forma di campana e ripieni di panna, una gigantesca caffettiera elettrica...e i Lego, soprattutto, che io adoravo e non avevo perché troppo costosi.
Un Natale portarono una scatola blu con le scritte in oro. Conteneva un centinaio di cioccolatini super energetici e vitaminizzati, studiati per l'infanzia inappetente  o gracile...il non-plus-ultra del ricostituente. 
Fu un vero colpo di fulmine per mia nonna che si innamorò perdutamente dell'idea di vedermi finalmente cicciottella  secondo i suoi canoni di bambina-in-salute.
La mamma mi dava, nel latte della colazione, il pane sminuzzato. Più di rado, convinta di essere una mamma moderna e all'avanguardia, i biscotti granulari Mellin che venivano venduti in quella scatola di latta e dovevano risultare ipercalorici e altamente nutritivi. Ma erano comunque abbastanza costosi per la mia famiglia.
I cioccolatini energetici presero ben presto il loro posto: erano SVIZZERI, dopotutto...che diamine! E li procuravano gli zii, quindi....
Uno al giorno a colazione, dopo la zuppa di latte e pane.
Aspettavo quel momento con il sorriso da orecchio a orecchio.
Per anni gli zii ci portarono dalla Svizzera quei cioccolatini.
Così le scatolette di latta della Mellin non vennero più acquistate. 
Mi è rimasta questa e quando la guardo mi torna in bocca il sapore di quei cioccolatini ricostituenti.

75 commenti:

  1. Da quando hai scritto il post su questa scatola di latta ogni volta che ne vedo una ti penso. Ne ho anch'io diverse ma non così antiche....Un abbraccio.
    erika

    RispondiElimina
  2. Chissà se le scatole che ho in soffitta hanno una storia...magari un giorno li fotografo così lo scopriremo.

    RispondiElimina
  3. Spesso un oggetto in cantina ha una storia.Bei ricordi.Buona serata Sandra!Olga

    RispondiElimina
  4. Quanti ricordi può portare un oggetto
    dimenticato in un angolo!!!
    Cara Sandra buon pomeriggio.
    Tomaso

    RispondiElimina
  5. Cara Sandra, come mi sono gustata questo post.
    L'infanzia di ieri non è neanche da paragonare a quella dei nostri figli e soprattutto dei nostri nipoti.
    Quei cioccolatini hanno sortito il loro benefico effetto...visto come sei oggi!

    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  6. Tu andavi al mare per le bronchitine, io per l'inappetenza = digiuno.
    Peccato che, dopo che ho avuto la figlia, quelle comode inappetenze sono sparite.
    Bentornata mia cara, sappi che il mio blog è a posto e , penso, sia stato il consiglio di Fabrizio. Grazie ancora!
    Cristiana

    RispondiElimina
  7. Ciao Sandra, bentornata nella blogosfera. Scatole di latta? Prima o poi li fotograferò

    RispondiElimina
  8. bellissimi ricordi!
    Ti sarai abbuffata di cioccolato allora!
    Baci

    RispondiElimina
  9. Ciao Sandra, che bella questa storia e che buona la tua "cura ricostituente"!!
    A me invece davano il "Proton" uno sciroppo dolciastro e con un retrogusto metallico...e mi mandavano al mare (Ligure) ma in colonia..e io non vedevo l'ora di tornare a casa!!
    Erano proprio altri tempi..ma non mi sembra che sia passato così tanto tempo!
    Carmen

    RispondiElimina
  10. ciao Sandra, ogni oggetto vecchio ci ricorda qualcosa, ha una storia come la tua, rimaniamo affezionati, anch'io andavo in svizzera a prendere il cioccolato, con i miei genitori, facevamo provviste, sono andata anche a Cattolica, potevamo incontrarci.))
    ciao grazie baci rosa presto buona serata:))

    RispondiElimina
  11. Urca me...!!!
    Me la ricordo anch'io la scatola di latta della Mellin, desolatamente vuota...i cioccolatini - italiani - li vedevo una volta l'anno, a Natale in casa della zia Anna perchè lei "poteva", si fa per dire.
    Tu parli di mare, io l'ho visto per la prima volta a 18 anni, senza dare colpe a nessuno, sia chiaro: a casa mia si andava in montagna "perchè faceva bene", punto e basta...
    Grazie per aver condiviso questi tuoi bei ricordi!

    RispondiElimina
  12. Che bello questo racconto.
    Ti ho immaginato col sorriso di bimba in attesa dei cioccolatini...^____^
    Tutti gli oggetti hanno una storia, non sempre ci si pensa, ed è bello se sono legati a ricordi piacevoli.
    Un bacio.
    Nunzia

    RispondiElimina
  13. Certo sappiamo benissimo che la Svizzera in fatto di cioccolato non la supera nessuno, ma per quello che a te risulta quei cioccolatini ricostituenti esistono ancora in commercio oppure no?
    Io sono ghiotto di cioccolato.
    Un caro saluto,
    aldo.

    RispondiElimina
  14. Le scatole di latta racchiudono sempre cari ricordi.

    RispondiElimina
  15. ..una bella storia che profuma di dolcezze.

    ciaoo Vania:)

    RispondiElimina
  16. Piacciono anche a me, la più vecchia che ho era di mia nonna e ora ci sono pinze e attrezzi per piccole riparazioni, poi ne ho comprate alcune di biscotti non proprio eccelsi, ma erano troppo belle le scatole! Ciao, Arianna

    RispondiElimina
  17. a me pallida e magra(che brutta fine ho fatto!!!!!)come un giunco,il dottore mi assegnava punture di calcio,olio di fegato di merluzzo e quintali di zabaioni al marsala,le uova le faceva la gallina,il mellin era "roba poco genuina"
    un bacio nostalgico

    RispondiElimina
  18. leggere i tuoi post è sempre piacevole, sei molto brava a raccontare e automaticamente a stimolare in quelli che leggono analoghi ricordi.
    Il mio ricordo goloso è legato ad un integratore (ma allora non si chiamavano così) per la memoria, erano dei cristalli rosa saporiti come caramelline, io ne avrei mangiato scatole intere!
    buon pomeriggio!

    RispondiElimina
  19. Racconto emozionante, anche perché come forse si sa (sic!) amo capire comn'è trascorso il tempo e siamo cambiati attraverso memorie vive come la tua, che in più ha il pregio dello stile.

    RispondiElimina
  20. Splendido ricordo, magnifica questa scatola!
    Baci.

    RispondiElimina
  21. La mitica scatola dei biscotti Mellin la ricordo benissimo anche a casa mia,sapeva perfino "fare arredamento".

    RispondiElimina
  22. Grazie per aver condiviso con noi questi bei ricordi che in molti punti combaciano con i miei... decisamente altri tempi che raccontati ai nipoti fanno sorridere!!!
    Un sereno e gioioso fine settimana
    nonnAnna

    RispondiElimina
  23. Eh...diciamo che se non sai dove metterla, tra le tue 100 ed oltre scatole...qui da me c'è posto! ;) Bacio. NI

    RispondiElimina
  24. quanti ricordi...un mare di dolcissimi pensieri legati a una scatoletta di metallo.....che bello naufragare in certi pensieri....glo

    RispondiElimina
  25. Un altro modo per pensarmi, allora. Grazie Erika.

    RispondiElimina
  26. Aspetto le immagini delle tue "latte" , Sofia. Grazie.

    RispondiElimina
  27. Grazie Olga. Giro sempre affascinata per mercatini: davvero gli oggetti parlano di noi.

    RispondiElimina
  28. Grazie Tomaso, buona settimana a te.

    RispondiElimina
  29. Grazie Gianna per tutti i complimenti. Se penso che mangiavo come un bufalo fino a una decina d'anni fa e senza conseguenze sul peso. Bei tempi. Ora non è più così e devo fare attenzione altrimenti rotolo...ah...ah...ah!

    RispondiElimina
  30. Cristiana, anche tu?! Pensa che mia mamma mi rincorreva con il cucchiaio in mano...povera donna.

    RispondiElimina
  31. Ps per Cristiana: sono contenta che tu abbia risolto le noie che spesso dà questo noioso di Blogger.

    RispondiElimina
  32. Aspetto le tue foto da artista Simo.

    RispondiElimina
  33. Lu, sìììì e pensa che era una cioccolata incentivata e autorizzata: una meraviglia. Purtroppo un solo quadratino al giorno....ma meglio di niente!

    RispondiElimina
  34. Carmen penso di averlo ingurgitato anche io quel Proton...mamma mia che nausea.
    Io sono andata al mare con la nonna finché non ho avuto l'età per la colonia: sei anni. Poi dai sei fino all'adolescenza due mesi lontana da casa: piangevo tanto ma non c'era alternativa.

    RispondiElimina
  35. Rosa, chissà...forse eravamo anche sulla stessa spiaggia. :)

    RispondiElimina
  36. Leonardo io sono andata al mare con la nonna fino ai sei anni: poi colonia del Comune! Da sola prima al mare e poi in montagna: i miei non si potevano permettere altro. Io piangevo e non ci volevo stare...ricordo tanta solitudine e tristezza. ma non c'era alternativa.

    RispondiElimina
  37. Nunzia: solo uno al giorno. La nonna metteva la scatola sul cassettone della camera (ora ce l'ho io) e per me era irraggiungibile...a meno che non prendessi una sedia ma non osavo!

    RispondiElimina
  38. Aldo sai che ho provato a fare una ricerca ma non ho abbastanza elementi. Ricordo una scatola blu con le scritte in oro. I cioccolatini erano dei rettangolini incartati uno per uno e stipati tutti in ordine come in una scatola di medicinali. Erano squisiti. Chissà, forse erano della Nestlè...ma non saprei. E non ho più a chi chiedere, purtroppo...

    RispondiElimina
  39. Vero Gabrilella. Ce ne sono di bellissime. Nei mercatini delle pulci devo sempre controllarmi perché le comprerei tutte.

    RispondiElimina
  40. Il profumo del cioccolato, Vania. Paradisiaco.

    RispondiElimina
  41. Arianna, anche io a volte compro i biscotti perché mi piace la scatola!

    RispondiElimina
  42. Gabe abbiamo in comune questa faccenda "del giunco" allora! Olio di fegato di merluzzo, zabaioni, iniezioni di ricostituente...tutte simpatiche faccende che ho vissuto. I biscotti Mellin furono fugaci apparizioni dovute al senso di colpa di mia mamma. La mia colazione era pane e latte!

    RispondiElimina
  43. Laura anche tu, dunque. Io niente integratori per la memoria ....ma per la "ciccia". Ero magrissima , lo sono stata tutta la vita e ben felice, da adulta; solo da una decina d'anni, purtroppo, non è più così.

    RispondiElimina
  44. Grazie Adriano. Immagini , oggetti,...hanno tanto da raccontare e farci comprendere .

    RispondiElimina
  45. Grazie Costantino, anche secondo me "arredano".

    RispondiElimina
  46. Verissimo nonna Anna, io sorridevo per certi racconti di mia nonna. Ora tocca a me.

    RispondiElimina
  47. Lo so che apprezzi Nì...eh...eh...eh!

    RispondiElimina
  48. Sì, è bello lasciarsi andare a ricordare. Ciao Gloria, buona settimana.

    RispondiElimina
  49. Buona settimana Erika...visto che per il "buona domenica" ormai....
    :)

    RispondiElimina
  50. Va a finire, Sandra, che ci siamo incontrate a Gabicce, da bambine! Io ci ho passato tutte le estati della mia infanzia, dai nonni, che vivevano là!

    RispondiElimina
  51. Alessandra, davvero? Però sei più piccolina di me e di tanto: io ho smesso di andarci con la nonna una volta arrivata all'età per la colonia.

    RispondiElimina
  52. Lo sono davvero. Grazie Roby.

    RispondiElimina
  53. Grazie per aver condiviso è una storia molto bella.
    Buona serata Sandra,un bacio.

    RispondiElimina
  54. E poi qualcuno dice che bisogna buttare ciò che non serve! Non capisce che insieme alle cose, si butterebbe parte della nostra vita...
    Baci

    RispondiElimina
  55. Ciao cara,mi piace molto leggerti! Le scatole di latta (e il loro contenuto)che meraviglie erano anche nella mia infanzia.
    Buona notte e baci

    RispondiElimina
  56. che storia bellissima....ciao sandra felice giornata, baci!! :)

    RispondiElimina
  57. Le scatole di latta sembrano fatte apposta per custodire ricordi :-)

    RispondiElimina
  58. Leggendoti a momenti pure io stavo cominciando a sentire il sapore dei cioccolatini svizzeri!

    RispondiElimina
  59. Anch'io adoro le scatole di latta, quelle dei biscotti.
    E poi ecco, dentro ad una scatola ci sono quei tuoi bei ricordi che, in parte, sono simili ai miei.
    Quegli sfibranti tentativi di far ingrassare una bambina un po' secca.

    RispondiElimina
  60. Ciao Sandra, ho visitato le tue board e non ne vedo neanche una condivisa. Non riesco ad immaginare come qualcuno possa pinnare all'interno delle tue board.

    Mi puoi fare un esempio? Mandami il link di uno dei pin in questione.

    Intanto ti consiglio di segnalarlo direttamente a Pinterest. Alex

    RispondiElimina
  61. Madame, hai ragione: io non butterei mai nulla. Ma dovremmo vivere in castelli e non case...ah...ah...ah!

    RispondiElimina
  62. ...e alcune di loro ne custodiscono...eccome. Grazie Adriana.

    RispondiElimina
  63. Greta non mi ricordare la cioccolata svizzera...mmmmm
    :)

    RispondiElimina
  64. Io ero secca davvero. Quante volte mi son sentita dire "mangia che sei magra da fare senso..." ! Fosse così ora!
    Ciao Ambra, BENTORNATA.

    RispondiElimina
  65. Ciao Topogina, grazie. Ho risolto. Come sospettavo : avevo aderito a un forum, (anche interessante, se vogliamo)e non mi ero resa conto dell'opzione che permette a tutti i "facente parte" di pinnare sulla apposita lavagna inserita tra quelle personali. Sono riuscita a disattivare. Grazie mille per l'offerta di aiuto.

    RispondiElimina
  66. un gran bel racconto sono scatole ricche di sentimenti

    RispondiElimina
  67. Quanto m i piacevano quei biscotti, mi ricordo ancora quando mamma li comprava per mio fratello ed io li mangiavo di nascosto. Costavano cari già allora e mio fratello era piccolino, io più grande di 7 anni non ne avevo bisogno ma erano cos' buoni! Grazie di avermeli ricordati

    RispondiElimina
  68. Grazie Carmine, contenta che ti piaccia il mio racconto.

    RispondiElimina
  69. Verissimo Sabry, costavano cari. E mia mamma si sentiva anche un po' in colpa per non poterlo comprare con regolarità...potere malefico della pubblicità!

    RispondiElimina

Considerazioni, riflessioni e commenti sono molto graditi. Grazie.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...