***************************************************************************************************************************************************************************
*TRADIZIONI*LETTURE*RICORDI*
POESIE*PITTURA E
ARTE
*STORIA E
STORIE*VIAGGI*FOTOGRAFIE*MUSICA*RICETTE*CHIACCHIERE*UMORISMO*RIFLESSIONI*SOGNI E DESIDERI*AFFETTI*PASSIONI ... tutto ciò che rende interessante la vita.
Perché "...sono cortesie minuscole, un fiore, un boccio, un libro, sono loro a deporre i semi del sorriso..." Emily Dickinson
**************************************************************************************************************************************************************************

martedì 12 giugno 2012

QUELLE RAGAZZE DELLA BASSA

La data esatta è Giugno 1967
Venivano "dalla Mirandola" , San Possidonio, San Martino Spino, Camposanto, Finale Emilia,....cittadine della Bassa Modenese divenute famose in queste settimane.
Una buona metà delle ragazze mia classe, all'Istituto Magistrale Statale "C.Sigonio", era "della Bassa"; la maggior parte di loro si alzava all'alba, quando nei lunghi e nebbiosi inverni la luce del giorno sembrava un miraggio, e rientrava la sera tardi - di nuovo nel buio della sera - macinando chilometri in corriera.
Qualcuna - forse più fortunata ... almeno non passava la vita  viaggiare e dormire - dal lunedì al sabato abitava in città nel convento delle suore Orsoline, non troppo lontano dalla scuola, e rientrava in famiglia nei fine settimana. 
Ma anche così c'erano da mandare giù tanti rospi. 
Per dirne uno: le suore aprivano e leggevano la corrispondenza privata; così per una di loro facevo da "fermo-posta" e quasi ogni mattina le portavo in classe  una lettera del moroso rimasto al paese.
Io, ragazza di città che abitava a duecento metri dal portone dell'Istituto, mi concedevo il lusso di alzarmi all'ultimo minuto e anche di arrivare in classe in anticipo; così, la mattina, le vedevo entrare assonnate e infreddolite. Ero ben consapevole di essere, almeno per questo aspetto,  fortunata. 
Avevano - come me e  come tutti gli adolescenti di ogni età e tempo - tanti sogni  da realizzare.
Di quelle ragazze della Bassa non ho notizie da tantissimi anni. Sono nei miei pensieri.

89 commenti:

  1. Ho appena terminato il mio commento al tuo post precedente ed ecco che vedo spuntare come un miraggio la foto di bellissime ragazze. Ma una meno bella non esisteva ai tuoi tempi? Ho capito: forse c'era un concorso per entrare in quell'Istituto Magistrale e lo vincevano soltanto chi mostrava di avere quei requisiti.
    Un caro saluto,
    aldo.

    RispondiElimina
  2. Che ricordi... mentre leggevo il tuo post ed osservavo la foto mi è venuta in mente la trasmissione Portobello ed in particolare la rubrica in cui le persone cercavano amici che non vedevano da tempo.... spero tu riesca a rintracciarne qualcuna di loro e condividere di nuovo attimi di vita ed abbracci che sanno di tempi passati e spensierati...

    RispondiElimina
  3. Prova magari su Fb, se ti ricordi qualche nome...noi siamo riusciti a ritrovarci poi grazie anche ad un passa parola, abbiamo organizzato la cena di classe e ti garantisco che è stato bellissimo!
    Cinzia

    RispondiElimina
  4. Bella la foto e bello tutto quanto che hai scritto dei tuoi pensieri.
    Brava cara Sandra, un abbraccio forte e con un affetto speciale.
    Tomaso

    RispondiElimina
  5. Che bella foto, chissà quanti ricordi...grazie per averci reso partecipe
    Un abbraccio Sandra!

    RispondiElimina
  6. Il passato che si racconta ha un fascino tutto particolare.
    Ti auguro di incontrarle tutte e punta al massimo!

    Un saluto e in bocca al lupo.

    RispondiElimina
  7. Great!!!!

    http://estilohedonico.blogspot.pt/

    xoxo

    RispondiElimina
  8. magari qualcuna si riconoscerà fra esse...magari qualche nipotina riconoscerà la nonna...già.
    Bei ricordi comunque.
    Lu

    RispondiElimina
  9. Foto stupenda mia casa Sandra e...forse mi sbaglio ma un paio di volti mi ricordano persone che conosco visto che pure io sono della "Bassa"
    Morena

    RispondiElimina
  10. Bella la foto, belli i ricordi che la foto ha risvegliato in te e belle anche tutte le ragazze qui ritratte.

    RispondiElimina
  11. Un post delicato, sottovoce, gentile...
    ..prima fila in basso?

    RispondiElimina
  12. che bel post ! sai quanti ricordi hai di tutte le tue compagne di scuola............ se ricordi i nomi e cognomi su facebook puoi ritrovarle di sicuro!!
    baci e buona giornata :)

    RispondiElimina
  13. Bellissimi ricordi Sandra, anch'io proverei su FB, chissà mai.......
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  14. Mi ha ricordato un momento della mia adolescenza quando il mio fidanzatino mi scriveva dalla mia migliore amica per non incappare nelle "attenzioni" di mio padre. Un abbraccio cara Sandra e a tutte quelle belle signorine.

    RispondiElimina
  15. che bello avere questi ricordi altri tempi oggi i ragazzi pensano alle cose futili

    RispondiElimina
  16. Ciao Sandra.
    Che bello sia il pensiero che il ricordo.
    Emozioni forti, adeguate al momento!
    Un abbraccio a tutte noi! NI

    RispondiElimina
  17. Mi hai commosso, sai? Tanta bellezza, nella foto, nel ricordo che profuma di buono e di vero, in te, mi tocca il cuore. Grazie!

    RispondiElimina
  18. Cara Sandra quanti ricordi... a volte i ricordi si pensano con la mentalità di quella età anche vero?

    Io non mi ero accorta, ma Mauro mi ha detto che anche da Modena i lidi ferraresi sono facilmente ragiungibili, sei stata in questi lidi con tuo nipotino?? Noi cerchiamo di andare al mare sempre di domenica.

    AMARE COSTA
    Ha il prezzo elevato più delle cose che valgono.
    Costa mantenere la pazienza e dare fiducia.
    Costa dire: “Perdonami”, e anche: “Ti perdono”.
    Costa ammettere: “E’ colpa mia” e ricominciare.
    Costa fare ciò che non piace ma che l’altro vuole.
    Costa trattenere le lacrime quando piange il cuore.
    Costa sorridere quando l’umore è a terra.
    Costa a volte impuntarsi e volte cedere
    Costa confidarsi e ricevere confidenze.
    Costa condividere i dolori e sopportare i difetti.
    Costa cancellare le piccole ombre.
    Costa lo stare insieme ma anche la lontananza.
    Costa avere opinioni differenti ma anche dire: “Si”.
    Eppure a questo prezzo si genera l’amore vero e pieno!
    Gli spiccioli non servono per amare.
    Ci vuole un legno pesante come la croce
    che conduce ad una meravigliosa Risurrezione del cuore!

    Cara amica mi dispiace se non riesco a venirti a trovare più spesso, il tempo è tirano e non me lo permette.
    Ti auguro di cuore un domani migliore, che gli auspici che ti riservi si concretizzino, che tu possa sempre scorgere la luce alla fine di ogni tunnel, che tu sappia rialzarti se sei caduta.

    RispondiElimina
  19. Ho fatto le elementari dalle suore, non Orsoline.
    Non ho ricordi belli come i tuoi e ancora una volta ti ammiro per aver aggirato l'ostacolo di quella barbara censura : roba da matti.
    Ciao
    Cristiana

    RispondiElimina
  20. Ciao Sandra, per alcuni è bello ritrovarsi dopo tanti anni..io non l'ho mai fatto, preferisco ricordarle tutte com'erano un tempo..Qualche volta (raramente però) mi è capitato di incontrarne una per caso ma è stato "faticoso"..non avevamo più nulla in comune!
    Un abbraccio, buona serata!!
    Carmen

    RispondiElimina
  21. cara sandra, come eravate belle!!! mi piace la tua versione di "c'è posta per te"!!!

    RispondiElimina
  22. Ciao cara Sandra,bella foto,grazie per aver condiviso con noi le tue emozioni,buona serata.

    RispondiElimina
  23. una storia alla pupi avati, tenera

    RispondiElimina
  24. Una gran bella foto...piena di ricordi! E tu...cara Sandra, a parte il colore dei capelli, non sei cambiata! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  25. nostalgia,mi hai riportato indietro negli anni.Recentemente mi sono messa in contatto telefonico con i miei compagni di liceo,la maggior parte,ed è stato un simpatico tuffo nel passato,ma poi manca sempre il tempo per ringrescare i rapporti.ciao Sandra

    RispondiElimina
  26. Ciao,
    che effetto vedere queste foto! L'abbigliamento e lo stile...le pettinature...il prete...Ne ho anch'io di simili...
    Sembrano di secoli fa! Eppure io ne ho anche delle classi in cui ho insegnato (sino a pochi anni fa) e i volti, le espressioni, gli sguardi, si assomigliano sempre: ieri e oggi, luccichii del presente e voglia di futuro...
    Ciao, ciao, Floriana

    RispondiElimina
  27. ciao sono morena anch'io ma di Forlì, più fortunata di voi. una mia vecchia compagna di scuola ora abita in provincia di Modena e so che se anche sfollata sta bene. perchè non ritrovare qualcuna di quelle ragazze. io l'ho fatto senza fb, incontrando solo una ex compagna: abbiamo fatto il passaparola e ci siamo ritrovate in una quindicina: non è stata una delusione, anzi! per rompere il ghiaccio qualche barzelletta ben raccontata, invito a cena a casa mia e da compagne siamo diventate amiche. prova, fa bene al cuore. baci e in bocca al lupo

    RispondiElimina
  28. Non solo belle ragazze - tante a quei tempi, che sono anche i miei! -, ma un pezzo di tormentata storia sociale - le magistrali delle suore! -, di cui ho molta conoscenza diretta e indiretta, data la presenza di analogo Istituto nella nostra zona.

    RispondiElimina
  29. che bel ricordo, cercale.. io l'ho fatto su facebook...non è andata male

    RispondiElimina
  30. Sicuramente un gran bella annata quella della "bassa"! Il collegio , le monache , le spiate , le restrizioni, le risate , la spensieratezza, gli amorucci... che tempi!!!!

    RispondiElimina
  31. Aldo, grazie. Sempre super gentiluomo!

    RispondiElimina
  32. Grazie Katia. Negli anni scorsi ho tentato qualche ricerca e ne ho rintracciate un paio. In questo post non era tanto il desiderio di incontrarle che intendevo proporre ma l'inquietudine per il loro presente mescolata al ricordo....una sorta di muta "preghiera laica" per loro e le loro famiglie.

    RispondiElimina
  33. Grazie Cinzia. L'ho fatto tempo fa...trovate alcune ma non quelle della zona che è ora disastrata.

    RispondiElimina
  34. Grazie Tomaso sei davvero gentile.

    RispondiElimina
  35. Grazie a te per essere passata Simo.

    RispondiElimina
  36. Morena può essere sì...sai dirmi quali?

    RispondiElimina
  37. Hanno un che di poetico queste vecchie foto, vero Krilù? La cosa strana è che ricordo perfettamente gli attimi prima e dopo lo scatto...son così reali e "recenti" nella mente...mah!

    RispondiElimina
  38. Mr Hyde...chi?...io?...noooooo
    :0)

    RispondiElimina
  39. Mica tanto. Nanussa tempo fa ho provato e ne ho rintracciate due o tre ma nessuna della Bassa Modenese.

    RispondiElimina
  40. Ciao Mary, come già detto non ho avuto successo quando qualche anno fa provai.

    RispondiElimina
  41. Un abbraccio anche a te Tiziana.

    RispondiElimina
  42. Ciao Giovanna. Grazie. Ci sono anche tanti giovani in gamba...dai!
    :0)

    RispondiElimina
  43. Adeguato, sì. Grazie Ni. Un abbraccio tremolante.
    :0)

    RispondiElimina
  44. Grazie per il bel commento, Cri!

    RispondiElimina
  45. Mirta è verissimo...ci penso e mi "sento" nella foto....ah...ah...ah!
    Mauro ha ragione: anche per noi modenesi i Lidi del Ferrarese sono una meta comoda! Sarò a CasalBorsetti da venerdì prossimo fino alla fine del mese ...con il mio nipotino.

    RispondiElimina
  46. Cristiana io ho un bel ricordo della scuola delle suore: mi trasferirono lì dalla terza elementare in poi. Per me fu come rinascere perché l'esperienza in prima e seconda fu orribile con quella maestra megera che mi ero ritrovata. Ho un bellissimo ricordo delle tre suore di terza, quarta e quinta....bravissime insegnanti, prima che suore.Le Orsoline erano il convento/convitto dove abitavano le compagne lontane come residenza...le magistrali erano statali, non private.

    RispondiElimina
  47. Carmen credo anch'io che non sia scontato riallacciare rapporti interrotti da decenni.

    RispondiElimina
  48. Maestra Laura...davvero che "faccette" ingenue,,,visto?

    RispondiElimina
  49. Achab grazie a te per la visita.

    RispondiElimina
  50. Eh...potrebbe essere un fotogramma di un film di quel tipo in effetti. Ciao Zefirina oltreoceano!

    RispondiElimina
  51. Alessandra...mi sa che devi cambiare le lenti degli occhiali...ah...ah...ah!

    RispondiElimina
  52. Vero, Gabe. Il tempo è una variabile non indifferente.

    RispondiElimina
  53. Floriana hai ragione. E penso sia proprio questo il fascino di questi scatti.

    RispondiElimina
  54. Ciao Morena di Forlì, grazie per la tua testimonianza e suggerimento. Come ho già risposto qui sopra ho tentato diverse strade anni fa ma ho avuto scarsi risultati. magari appena si calma la faccenda sisma...ritento.
    Grazie . Ciao.

    RispondiElimina
  55. davvero tormentate questioni Adriano hai ragione. Ma le Magistrali di cui parlo erano una scuola superiore statale, ora Liceo Sociopsicopedagogico.
    Le suore Orsoline ospitavano nel loro convento, sempre in centro storico a Modena, le ragazze che abitavano troppo lontano dalla scuola...facevano convitto dal lunedì al sabato e poi la domenica rientravano a casa, solo per un giorno.

    RispondiElimina
  56. Günther : magari ci riprovo. Anni fa non ebbi troppo successo.

    RispondiElimina
  57. Nella sì, anni belli e spensierati dopotutto. Non è così ORA , nella Bassa Modenese, proprio là il sisma ha colpito duramente.

    RispondiElimina
  58. ma quanti ricordi che crea una foto....belle in un rigoroso camice.....una vola dov'era questa scuola? mi incuriosiscono le storie che possono raccontare di ricordi.glo

    RispondiElimina
  59. Sì Gloria, le foto sono "storie" concentrate. Anche a me piace leggerle e narrarle. La scuola?...ma è il Sigonio, ora Liceo Pedagogico, in via Saragozza.

    RispondiElimina
  60. Bei tempi quelli, io allora abitavo a Bastiglia!! buona giornata...ciao

    RispondiElimina
  61. Perché nel mio cuore si è mossa una vena di commozione leggendo il tuo post? Sarà il ricordo di tempi perduti, i tempi dell'adolescenza?
    Oppure le parole del tuo finale colme di nostalgia, in cui serpeggia una vaga paura,quella che il terremoto se le sia portate via?

    RispondiElimina
  62. ciao Sandra, ricordi..ricordi

    RispondiElimina
  63. Ciao carissima Sandra, che belli questi ricordi, è affascinante il modo in cui racconti questi episodi della tua vita, mi sembrava di esserci anch'io. Bella la foto e tu sei una delizia. Grazie di aver condiviso con noi queste emozioni.
    Un abbraccio forte e buon wk.

    RispondiElimina
  64. Anch'io sono stata sempre vicinissima alla scuola e quindi non ho avuto i disagi che racconti. Disagi che vedo nei volti di alcuni miei alunni che vengono dai paesi; viaggiare è ancora un'avventura, ritardi, corse affollate o che saltano e come se il tempo non fosse passato! Un abbraccio, Laura

    RispondiElimina
  65. Ciao Giancarlo, buona giornata anche a te. Come va lì?

    RispondiElimina
  66. ...e preoccupazione per il loro presente...ciao Cavaliere, grazie.

    RispondiElimina
  67. Eh, Ambra...magari si è portato via la loro casa...chissà...

    RispondiElimina
  68. Ciao Soffio, come va in campagna?

    RispondiElimina
  69. Grazie Vania, buona giornata. Oggi mi sposto al mare....spero di poter tenere d'occhio i blog...mah!
    :0)

    RispondiElimina
  70. Laura hai colto nel segno, penso che quelle mie compagne abbaino passato gli anni delle superiori in autobus.
    Buon week-end.

    RispondiElimina
  71. Il destino...mai avresti immaginato che i paesini delle tue compagne sarebbero stati noti per il terremoto...

    Dalle medie in poi facevo la pendolare...treno mattino presto, rientro pomeriggio inoltrato.

    Bacioni, Sandra.

    RispondiElimina
  72. Ricordi che riaffiorano, saranno cambiati, e come, quei volti?
    Col passare degli anni i ricordi si ingentiliscono, e anche quelle suore Orsoline saranno, credo, ricordate con un poì di simpatia.
    Com'è giusto.

    RispondiElimina
  73. Sì, sono bei ricordi quelli della scuola ed i compagni e le compagne di classe le porteremo sempre con noi, anche se non li vediamo da anni e anni. A guardarvi nella foto, con quel grembiule nero, mi hai fatto venire in mente che lo portavo anch'io, alle Medie però. Alle Superiori certo non dovevo subire delle restrizioni come le tue, visto che frequentavo lo Scientifico. Anche nella mia città c'era un Istituto Magistrale, gestito dalle suore, ma per fortuna, mi sono indirizzata verso altri lidi. Ciao e tanti complimenti per gli scialli: sono splendidi!

    RispondiElimina
  74. Dimmi anche qualcosa di quel prof... :)

    RispondiElimina
  75. Vero Gianna, chi l'avrebbe mai detto!

    RispondiElimina
  76. Molto vero che con il passare degli anni i ricordi si ingentiliscono, Costantino...hai ragione.

    RispondiElimina
  77. Le Magistrali di cui parlo in questo post erano e sono una scuola superiore statale...niente suore! Le suore sono quelle del convento dove abitavano le ragazze che abitavano troppo lontane per tonare a casa ogni sera. Ciao Ninfa, buona settimana.

    RispondiElimina
  78. Giacy.nta il prof nella foto era Don Arrigo, ins. di religione. Un prete davvero in gamba e "moderno" , per quegli anni! Morto pochi anni fa e mi è dispiaciuto tanto.

    RispondiElimina
  79. bellissimi ricordi e tanta dolcezza nel renderci partecipi della narrazione di quei pezzi di Storia passata

    RispondiElimina
  80. Ciao Sandra, sto facendo un giretto, ho letto del raduno poi mi son messa a guardare le foto! Non mi ricordo se avevo gia' commentato qui,poi per curiosita' guardero' i commenti! La foto della tua classe mi ricorda mia cugina Bozzolese ,perché è della tua eta' penso anno piu' anno meno,so che il "look" è simile! Eri molto carina anche da studentessa! Ma volevo dire che anch'io sono stata pendolare "scolastica" perché da Bozzolo prendevo il treno per venire a Mantova! Mi ricordo eccome di quanto tempo si stava "in ballo" per venire a scuola! Partivo alle 6,30 e tornavo alle 14,30,poi dovevo pranzare poi chi aveva voglia di studiare? Era stancantissimo come "procedimento"!
    Mi fa molta tenerezza quella foto e il tuo commento finale! Quanti sogni,che meraviglia, e mentre ci sei dentro non ne sei pienamente consapevole che hai "al mond in man"!

    Bacioni tua Bozzola!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Bozzola.
      Bello anche per me ritornare su vecchi post....

      Elimina

Considerazioni, riflessioni e commenti sono molto graditi. Grazie.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...